Destinazione Thailandia. Evitare di fare i trekking con l’elefante. Ecco perché.

Sono stata in Thailandia per ben 2 volte negli ultimi 2 anni. Inutile dire che è un paese stupendo che vale la pena di visitare. Ci sono un sacco di attività per tutti i gusti, e tra queste, purtroppo vi sono i Trekking con gli elefanti.


Dico purtroppo perché gran parte di questi Tour, sopratutto quelli gestiti dai locali non hanno a cuore la salute psicofisica degli elefanti, succede spesso che questi ultimi vengano tenuti legati per diverse ore, se non per intere giornate, ad una catena cortissima o addirittura vengono reclusi in recinti talmente stretti che portano l’elefante a sviluppare comportamenti ripetitivi, come girare su se stesso o muovere nervosamente la testa, tutto questo a causa dello stress. Per vedere queste scene non serve andare dietro le quinte di queste realtà basta noleggiare uno scooter e farsi un giro tra le colline.

Ho visto situazioni veramente tristi. Turisti per lo più orientali presi dall’euforia di salire in groppa all’elefante, scattarsi mille selfie e video, noncuranti che forse quel giro “in giostra” alimenta una forma di turismo che non rispetta gli animali.

Fortunatamente vi sono altre realtà più felici in Thailandia per gli elefanti. Uno dei tanti centri di recupero per elefanti lo potete trovare nella zona nord di Phuket, si chiamaElephant jungle Sanctuary”. Una vera e propria oasi di pace per gli elefanti che vengono spesso recuperati da situazioni di maltrattamento e denutrizione e vengono accuditi con rispetto e amore.

Non viene effettuato nessun tipo di trekking a scopo lucrativo. Se volete visitare questi luoghi avrete l’occasione di fare un bagno con gli elefanti e di vedere come le strutture si prendono cura di loro.

Un piccolo accenno vorrei farlo anche per quanto riguarda i tour per andare a vedere le tigri. Stessa identica situazione. Tigri sedate per scattare fotografie ricordo e permettere ad adulti e piccini coraggiosi di accarezzare la tigre e portarsi a casa orgogliosi la foto trofeo.

Se avete a cuore gli animali non alimentate questo tipo di turismo. Cercate piuttosto altre realtà dove anche grazie al vostro contributo non andate ad arricchire le tasche di coloro che li detengono in condizioni precarie, ma garantirete un’esistenza serena e dignitosa agli animali.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...