Vedere il denaro come un’energia. Ciò che doniamo è destinato a ritornare.

Non è il denaro a determinare chi siamo

Tutta la nostra esistenza dipende dal denaro, o cosi crediamo.

Il denaro ci serve per vivere, per pagare le bollette, per il mutuo per i figli e per tutto ciò che ci permette di vivere un esistenza dignitosa.

C’è chi possiede molto denaro, chi fa fatica ad arrivare a fine mese, chi lo sperpera, chi lo accumula, insomma ognuno ha le sue abitudini riguardo al denaro. La credenza che accomuna un’po tutti è che senza il denaro veniamo esclusi dalla società o che la nostra realizzazione personale non possa avvenire e i nostri sogni non si possono avverare e cosi via..

Ciò che spinge l’essere umano a costruire credenze attorno al denaro è proprio la società stessa. Di conseguenza tendiamo a custodire gelosamente tutto per la paura di rimanere a tasche vuote, e l’ultimo pensiero che abbiamo è quello di gioire e condividere la nostra abbondanza con le persone che ci circondano.

Perchè è difficile condividere la ricchezza?

Perchè abbiamo paura. Certamente se vincessimo alla lotteria sarebbe semplicissimo donare denaro a chi ne ha bisogno, possedere una somma ingente aumenta il concetto di stabilità e sicurezza e quindi condividerne una parte è assolutamente facile.

Avete mai provato a pensare al denaro come ad una specie di energia? Se è vero che ciò che dai ritorna nella vita dovrebbe funzionare anche con il denaro. Ed io credo, anzi ne sono proprio convinta che sia cosi.

Sono sempre stata una persona legata al denaro, attenta e scrupolosa nel gestirlo, acquistare qualcosa richiedeva diversi giorni di valutazioni, quando mi veniva chiesto aiuto mi trovavo in difficoltà, non perchè non volessi aiutare chi mi chiedeva denaro ma perchè in questo modo la mia certezza e sicurezza iniziava a vacillare.E se non fossi riuscita a recuperare i soldi?

Poi un bel giorno mi sono stufata, ho semplicemente smesso di vedere il denaro come unica fonte di felicità. Perchè se da una parte ero felice e appagata pensando di riuscire a mettere soldi da parte e avere dei risparmi, dall’altra non mi sentivo libera e spensierata di spendere o donare soldi senza esser sopraffatta dai sensi di colpa.

La cosa che mi ha permesso di staccarmi da questi pensieri è stata quando mi sono decisa a realizzare il mio sogno di viaggiare in giro per il mondo. La mia mente mi ha sempre detto di non aver abbastanza soldi per farlo, il mio cuore invece lo desiderava talmente tanto che ho pensato: Non saranno mica i soldi ad impedirmi di partire. E cosi ho fatto mi sono decisa a partire.

Ho abbandonato la certezza di uno stipendio fisso. E difficile da credere ma non mi fa più paura. In qualche modo so che me la caverò.

Ho iniziato a condividere il mio denaro per sostenere il sogno di altri viaggiatori, comprando i loro libri, inviando donazioni, lascio volentieri le mance, aiuto chi è in difficoltà offrendogli qualcosa, insomma faccio tutto intenzionalmente e consapevolmente senza aspettarmi nulla in cambio, immagino il mio denaro circolare e contribuire a rendere le giornate altrui migliori. Non ho quasi più sensi di colpa e paure e devo dire che sto decisamente meglio.

Quando metti in circolo il denaro con intenzioni pure e positive questo torna, in altri modi ma torna sempre. Provare per credere.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: